Una giornata nella biodiversità!

PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA E CAMPIGNA

Un sentiero per tutti i sensi- Campigna

Campigna

L'abete bianco e le abetine
Tempo di percorrenza: 2 ore 30 minuti
Lunghezza: 3,5 km
Dislivello: in salita 200 m
Periodo consigliato: da maggio a novembre

Il Sentiero Natura dedicato all'Abete bianco si sviluppa all'interno di una delle più belle e meglio conservate abetine del Parco, bosco d'impianto artificiale e d'aspetto cupo e maestoso, al cui interno sono ospitate specie floristiche di notevole importanza scientifica. Accumuli di aghi e ramoscelli d'abete, lungo il percorso, rappresentano le abitazioni del "guardiano" del bosco: la formica rufa, che protegge gli abeti dagli attacchi dannosi di insetti parassiti.

Acquacheta

La valle e la cascata di Dante
Tempo di percorrenza: 4 ore 30 minuti
Lunghezza: 4,5 km
Dislivello: in salita 250 m
Periodo consigliato: da aprile a giugno, da settembre a novembre

L'Acquacheta, diventa famosa per la spettacolare cascata citata da Dante, è una valle ricca di interesse per l'escursionista. Il Sentiero racconta frammenti di storia naturale: dall'origine delle rocce, alla formazione ed evoluzione della cascata, al torrente, alla vegetazione dominante. In questa valle gli aspetti del rilievo, i boschi, le acque suscitano un senso di grandiosità e immutabilità. In realtà percorrendo il sentiero e soffermandoci sulle emergenze scopriamo che si tratta di un'illusione. Le rocce che s'intravedono tra boschi e prati, le forme del territorio a volte strane e incomprensibili sono in grado di raccontare la storia degli eventi che hanno generato la valle.

La Valle è quindi in realtà un ambiente ricco di per se di storia naturale che merita di essere scoperto e in questo, l'opuscolo, vuole essere d'aiuto. Il sentiero parte da San Benedetto in Alpe e raggiunge la cascata dell'Acquacheta e la Piana dei Romiti, il ritorno è per lo stesso percorso dell'andata. Per facilitare l'interpretazione degli aspetti naturali del territorio sono collocati lungo il sentiero dei punti d'osservazione sviluppati nel presente testo.

Scopri tutti i Sentieri Natura del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

PARCO REGIONALE DELLA VENA DEL GESSO

Parco Regionale della Vena del Gesso

L'anello del Carné

Partenza: Centro visita di Ca' Carné
Tempo di percorrenza: 3 ore
Difficoltà: Facile
Lunghezza: 5 km

L'itinerario parte dal centro visita di Ca' Carné, che si raggiunge dalla strada n. 23 del Monticino, provinciale che sale dal centro di Brisighella passando tra i tre colli che dominano il celebre borgo medioevale ed aggirando la Rocca Veneziana e la Chiesa del Monticino. Oltrepassato il Museo Geologico del Monticino, si prosegue in direzione Riolo Terme, svoltando a sinistra in via Rontana, in località Case Varnello, e seguendo le indicazioni per il Carné.

Lasciata l'automobile nel parcheggio basso del centro visita si prosegue a piedi camminando sui cosiddetti "Gessi di Rontana", lasciandosi sulla sinistra la cima del monte omonimo (484 metri).
L'area del Carné presenta una struttura geologica complessa, con accavallamenti tettonici e faglie; il tutto, è arricchito da rilevanti fenomeni carsici sotterranei e superficiali, con un bel sistema di doline che si susseguono lungo il percorso di accesso al centro e di interessanti erosioni "a candela", proprio accanto alla carraia. Si sale, così, fino a Ca' Carné, ove hanno sede il centro visita ed il rifugio con punto di ristoro e possibilità di pernottamento.

Scopri tutti gli itinerari del Parco Regionale della Vena del Gesso.

Parole chiave di questo articolo clicca per visualizzare altri articoli correlati.
Scroll to top

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Più

Proseguendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi